Thursday, May 31, 2012

HUMUS PARK, LAND ART

BGood morning readers.

How do you feel today?

In today's post I just want to show you some pictures I took yesterday night in Pordenone.

The park is the landscape of an amazing open air art expo called Humus Park (http://www.facebook.com/HumusPark
https://twitter.com/#!/HumusPark
The event is internationally recognized and it gathers artists from all around the world. 
This year's session was opened on May 14, when the artists started working on their masterpieces. 
And the result is what you see here.











I took just a few pictures, but they convey the idea of what is around us.
I think this event really  helps the human being to mix with nature. Art is a form of nature itself. 

I really suggest you to visit Humus Park (if you can) and if you do not, visit the site!
Go also here: http://ireport.cnn.com/docs/DOC-796927

Good nature to everyone!

marti



Buongiorno carissimi lettori,
come state?

Nel post di oggi vi voglio mostrare alcune foto che ho scattato ieri sera a Pordenone.

Questo parco è il paesaggio perfetto per una galleria d'arte a cielo aperto. Humus Park.
https://twitter.com/#!/HumusPark

L'evento è internazionalmente riconosciuto e raggruppa artisti da tutto il mondo.
Quest'anno la manifestazione ha avuto inizio il 14 maggio, quando gli artisti hanno avuto modo di cominciare a lavorare alle loro opere. 
ed ecco alcuni risultati:











Ho scattato solo alcune foto, ma rendono bene l'idea :)
Mi piace moltissimo questo evento e credo che renda possibile il ricongiungimento dell'essere umano con la natura. 

Vi consiglio (se potete) di visitare Humus Park.
Date un occhiata anche qui:
 http://ireport.cnn.com/docs/DOC-796927

Godetevi la natura!


marti

Tuesday, May 29, 2012

EARTHQUAKE











When you feel mother earth shaking, and a big roar from the ground, your guts know something bad is happening. 
Your blood freezes in your own vains. 
Your skin becomes pale and cold. 
You alert every single cell in your body. 

You stay silent. Listening to what is going on. 
First fear. 
Later awareness. 

Your brain is fresh and listens too, dark shadows cast on it. 

And again everything's still again. 
But you're not... Not anymore.







This is what I wrote in a iReport. 


http://ireport.cnn.com/docs/DOC-796241




I want to tell everyone stay strong and keep on fighting.


marti

Tuesday, May 22, 2012

NEW IREPORT

Hi readers,

how are you?

I am so sorry for my prolonged absence... I've been a little too busy these days...
but this is not an excuse.. :(

Sorry.. simply sorry.

Read my latest iReport on Cnn.com:
http://ireport.cnn.com/docs/DOC-793096

This is just to let you know I'm here for you, just need some time to recover from a pensive time that is prolonging..

I'll talk to you really soon!!


marti




Ciao adorati lettori,

come state?

Volevo scusarmi con voi per la mia assenza... sono stata un po' troppo impegnata ultimamente...
Ma questo non mi giustifica...

Scusate, davvero...

Leggete il mio ultimo iReport sulla CNN.com:
http://ireport.cnn.com/docs/DOC-793096

Questo piccolo post solo per dirvi che sono qui per voi, devo solo riprendermi da questo periodo di pensieri che si sta prolungando....

A presto!!!
Lo prometto!!!

marti

Wednesday, May 16, 2012

SURPRISE SURPRISE

good afternoon readers!!

remember when I told you about CNN iReports?
Well well... here I am.

Some weeks ago, after writing a report on my travel to Iraq, I received an e-mail from a part of the CNN iReport staff. He asked me further information about what I wrote on Iraq.
After an exchange of e-mails with him, he told me CNN wanted to publish one of my pictures of Iraq in a CNN gallery about the assignment "The journey that inspired you".

And today I received his e-mail with the following link: http://edition.cnn.com/2012/05/16/travel/inspirational-journey-ireport/

Here there are some iReporters' (like me... WOW) works and there's also mine :)
Find it out!!! :D And go through the other stories too!!! They are worth the reading!!!!

I want to thank all the TeamiReport, who makes all this possible, and who gives the chance to all of us to express our points of view and give value to that. I want to thank also all the CNN staff, the CNN site is my favorite source of news. Thank you so much! I keep discovering that our world offer us a lot of great opportunities.. we have to try them out!!!


Thank you.

marti


buon pomeriggio cari lettori!!!

vi ricordate che vi avevo anticipato qualcosa sulla' iReport che avevo scritto nel sito di CNN?
Ebbene... eccomi che vi dico qualcosa in più.

Qualche settimana fa, dopo aver pubblicato l'articolo sull'Iraq, ho ricevuto una mail da un membro dello staff di CNN iReports, nella quale mi chiedeva alcune informazioni su ciò che avevo scritto.
Dopo uno scambio di e-mail, mi ha comunicato che CNN voleva inserire la mia immagine con la descrizione nella gallery CNN sul tema "The journey that inspired you".

E oggi ho ricevuto per e-mail il link:

http://edition.cnn.com/2012/05/16/travel/inspirational-journey-ireport/


Qui troverete alcuni articoli degli altri iReporters (come me... WOW) e c'è anche il mio!!!
Leggeteli tutti, meritano!! e trovate il mio!!!

Voglio ringraziare di cuore tutto il TeamiReport, che rende tutto questo possibile, e che dà l'opportunità a tutti noi di scrivere sul sito CNN e gli dà valore. Grazie anche a tutto lo staff CNN, il loro sito è il mio preferito! Grazie infinite, pian piano scopro che il mondo ci offre tante (e grandi) opportunità, è necessario provare nella vita... è davvero meraviglioso!! 


Grazie.

marti




Monday, May 14, 2012

BE CREATIVE (OR JUST LET YOURSELF GO?)

Dear readers,

here I am again.

How was your weekend?
Hope great. What did you do?

In today's post I want to tell you about the latest book I read (published in March 2012)
Here it is:





The author is Austin Kleon (you can follow him on Twitter: https://twitter.com/#!/austinkleon; on Facebook: http://www.facebook.com/Mr.Austin.Kleon and on his site: http://www.austinkleon.com/).
He is a writer and an artist and lives in Austin, Texas (you'll find more about him in the book and I will maintain this halo of mystery).

I found this book incredibly creative and inspirational. It presents 10 steps to take in order to become a real artist (or to develop the creative part that's inside of you). 
The book is divided in 10 small chapters:
1. steal like an artist
2. don't wait until you know who you are to get started
3. write the book you want to read
4. use your hands
5. side projects and hobbies are important
6. the secret: do good work and share it with people
7. geography is no longer our master
8. be nice
9. be boring
10. creativity is subtraction 

I won't tell you more about the content of each chapter, since I wish you want to buy the book and read it on your own.
I just want to say that it is really a fast-reading book, it is very smart and pragmatical and helps you in finding you way, or at least it gives great suggestions. 
If you think you are a creative person or an artist (or you're just curious), you should read this book, Austin is extremely clear and effective, I felt like he was reading my mind and addressing directly to me. 

To finish this post I quote from the book one of the parts I loved (actually, I loved lots of them...):

"Draw the art you want to see, start the business you want to run, play the music you want to hear, write the books you want to read, build the products you want to use - do the work you want to see done". Austin Kleon. 

Go on, guys! read it!!

ps. the Metallica concert in Udine last night was great!!!
Inspirational!! But I'll tell you more :D

marti



Carisismi lettori,

eccomi di nuovo! 

Come avete trascorso il weekend?
Spero bene. 
Cosa avete fatto?

Oggi vi voglio parlare del libro che ho letto tutto d'un fiato (pubblicato in Marzo 2012). 
Eccolo qui: 






L'autore è Austin Kleon (potete seguirlo su Twitter: https://twitter.com/#!/austinkleon; su Facebook: http://www.facebook.com/Mr.Austin.Kleon e sul suo sito internet: http://www.austinkleon.com/).
E' uno scrittore e un artista e vive ad Austin, Texas (ma non voglio svelarvi nulla più, scoprirete di più di Austin leggendo il suo libro... voglio mantenere l'alone di mistero). 

Trovo che questo libro sia incredibilmente creativo e d'ispirazione. Presenta 10 passi da compiere per diventare un vero artista (o per sviluppare la parte creativa che c'è in te). 
Il libro si divide in 10 piccoli capitoli: 
1. steal like an artist (ruba come un artista)
2. don't wait until you know who you are to get started (non aspettare di sapere chi see prima di cominciare)
3. write the book you want to read (scrivi il libro che vorresti leggere)
4. use your hands (usa le mani)
5. side projects and hobbies are important (i progetti secondari e gli hobby sono importanti)
6. the secret: do good work and share it with people (il segreto: fai un buon lavoro e condividilo con le persone)
7. geography is no longer our master (la geografia non è più un limite)
8. be nice (sii gentile)
9. be boring (sii noioso)
10. creativity is subtraction (la creatività è saper sottrarre)

Non vi voglio dire di più sul contenuto dei capitoli, vorrei che compraste il libro (non credo sia stato tradotto ancora in italiano) e lo leggeste. 
Vorrei solo dirvi che è un libro molto veloce da leggere, intelligente e pragmatico, e vi può aiutare a trovare la vostra strada, o almeno a darvi qualche buon consiglio. 
Se pensate di essere delle persone creative o artisti (o se siete solo curiosi), dovreste leggere questo libro, Austin è estremamente chiaro ed efficace, mi sembrava che Austin si dirigesse proprio a me. 

Per finire, vorrei citare una frase del libro che mi ha colpito (sono molte quelle che mi hanno colpita...):

"Disegna l'arte che vorresti ammirare, apri l'azienda che vorresti condurre, suona la musica che vorresti ascoltare, scrivi i libri che vorresti leggere, costruisci i prodotti  che vorresti usare - fai quello che vorresti fosse fatto". Austin Kleon. 

Avanti!!! Leggetelo!!!

marti

ps.
ieri sono andata al concerto dei Metallica a Udine!!! 
Grandioso.. ma ve ne parlerò :D





Friday, May 11, 2012

iREPORTS AND METALLICA WEEKEND

Hi readers!

How are you?

Tonight I want to remember you to read my iReports here: http://ireport.cnn.com
Let me know what you think.
It is really an interesting aspect of CNN.com, which by the way is my fav site... Everyone can share opinions and write about selected topics.
Talking about that, I have some good news to tell you but I cannot at the moment, so stay tuned for further information!! :D

I am writing this brief post because I am dead tired (and I will dedicate some time to the book I am reading) and I want to tell you that on Sunday I am going to listen to the Metallica concert!!
I will write my impressions :)

I will be back soon!

marti





Ciao!
come state?

Stasera vi voglio ricordare una cosa: andate a dare un occhiata agli iReport che ho scritto qui: http://ireport.cnn.com.
E ditemi cosa ne pensate.
Questo è davvero un aspetto interessante del sito CNN.com (che a dire il vero è il mio preferito ed  il primo che apro ogni giorno per informarmi sul resto del mondo)... bè, ognuno può scrivere qualcosa riguardo all'argomento deciso dal team di iReport.
A proposito... presto vi darò una bella notizia, che ora non vi posso svelare, ma abbiate pazienza!
 :D

Vi scrivo anche per informarvi che questo post sarà breve, sono un po' stanca e vado a riposare e a leggere un paio di pagine. E domenica, concerto dei Metallica!!!
Vi dirò le mie impressioni.

A prestissimo!!!!

marti


Thursday, May 10, 2012

IN MEMORY OF SREBRENICA PEOPLE

Good morning,

today I am feeling really depressed, yesterday night I received a terrible news about a friend of mine.

Apart from that (today is a difficult day), I want to share with you on today's post a thing that I found out surfing the net.

I want to tell you about a book that I worked on some years ago.

The book is "Under the UN flag. The international community and th Srebrenica Genocide".
The author is a survivor of the massacre that took place in Srebrenica in 1995.




The book denounces the killing perpetrated in July 1995, during the Bosnian War, of more than 8,000 Bosniaks (Bosnian Muslims), mainly mean and boys, in and around the town of Srebrenica in Bosnia and Herzegovina, by units of the Army of Republika Srpska (VRS) under the command of General Ratko Mladic.

The writer is a man who worked as an interpreter during the war and who directly experiences the death of his whole family and of thousands of more people.
The book is hard, it makes you think about genocide, about how innocent people can be murdered without thinking twice.

I won't tell you more about this book, I do want you to buy it and read it all.
There is no Italian translation.

I want to share with you the translation I did of a part of this book for a project carried on by Beit Casa Editrice in Triest (and I have just found out that it is published on the net) (the publisher I worked with in the translation), you can read my work here:
http://www.beitcasaeditrice.it/srebrenica.html

The passage I translated is "A pranzo con mia madre".
You can find further info here: http://www.facebook.com/pages/Beit-Casa-Editrice/155970544486566
you can follow it on twitter.

Take your time to think of human being.
It is worth it.
Never hide when you see other men suffering.

marti




Buongiorno a tutti,

oggi è una terribile giornata, ieri sera sono venuta a conoscenza di una tragedia capitata ad un mio amico.

Ma a parte questo (giornata difficile, oggi), voglio condividere con voi un post di una cosa che ho trovato in internet.

Vi voglio parlare di un libro al quale ho lavorato qualche anno fa.
Il libro si intitola: "Under the UN flag. The international community and th Srebrenica Genocide".

L'autore è un sopravvissuto al massacro di Srebrenica, avvenuto nel 1995. 




Il libro è una denuncia al genocidio perpetrato nel luglio del 1995 durante la guerra di Bosnia, di oltre 8.000 Bosniaci (Bosniaci di fede Musulmana), soprattutto uomini e ragazzi, all'interno della città di Srebrenica (Bosnia Erzegovina), per mano delle forze armate Army of Republika Srpska (VRS) al seguito del Generale Ratko Mladic.  

L'autore del libro è un uomo che ha lavorato durante la guerra come interprete e che ha sperimentato direttamente la morte della sua stessa famiglia e di altre migliaia di persone.
Il libro è duro, fa riflettere sul genocidio, su come persone innocenti possano essere massacrate senza pensarci una seconda volta. 

Non vi voglio dire nulla più, vorrei invece che compraste il libro (online è facilissimo!) e lo leggeste per rendervi conto di questo indicibile massacro. 
Non esiste traduzione italiana.

Per questo pubblico qui la mia traduzione di un passaggio del testo, in collaborazione con la casa editrice triestina Beit Casa Editrice e potete leggerla qui:

http://www.beitcasaeditrice.it/srebrenica.html

Il capitolo si intitola "A pranzo con mia madre". 
Potete inoltre trovare maggiori info qui: http://www.facebook.com/pages/Beit-Casa-Editrice/155970544486566
e seguire Beit Casa Editrice su twitter.

Prendete del tempo per pensare all'essere umano.
Ne vale la pena.
Non nascondetevi di fronte alla sofferenza.

marti





Monday, May 7, 2012

ITALIRELAND FESTIVAL IN VERONA

Good evening to everyone!

how are you?

Here I am, ready to tell you more about my weekend in Verona at the Italireland Festival 2012 (http://www.irlandaonline.com/news/eventi/26243-festival-italo-irlandese-a-verona.html).
It was the second edition of this cultural event, the first one was held last year in September in Dublin.
The organizers of the event (at least one or two of them, maybe I missed someone) are two young ladies, Federica and Valeria, who put all their efforts and emotions in all the aspects of these days.

As far as my personal experience is concerned, I drove to Verona on Saturday morning with a dear friend of mine, Laura (the author of Rairish). In two hours we were there and at 3 p.m. we were ready for the first step of the our weekend. The afternoon was a little strange to me, I didn't immediately get the point of the meeting. The Irish authors were present and I was really pleased to meet Catherine Dunne, a writer I met in 2007 when she was in Pordenone for the festival pordenonelegge.it.
She recognized me immediately and we altogether went for an aperitif (Spritz, which she loves!!!!). It was a real Italirish table:

 From the left: Catherine Dunne, me, Anthony Gavin, June Caldwell, Martin Malone and Naimh MacAlister.
Here from the left: Anthony Gavin, June Caldwell, Martin Malone, Naimh MacAlister, Lia Mills, Celia de Freine, Laura and Catherine Dunne (and tons of spritz, which is the red aperitif).











In the evening we went to what it would turn out to be an amazing reading.
Our 7 Irish authors read pieces of their works (wow guys... it was such a sound to listen to such artists!!!), a very skilled Italian actor read them in Italian and there was a terrific music band consisting of three men who played Irish music.
On that occasion Catherine read a passage of her short story, Moving on.




The book is bilingual (Italian and English) and it was published for the occasion in 1,000 copies, all with a number inside (I have number 55!!!). 
The jacket of the book is a donation of the great Italian artist Palladino.
(the sandals are the hinge of the story, and I won't tell you more!!).

That night Laura and me went to our B&B (amazing, by the way, newly refurbished, neat pieces of furniture and nice people), and we couldn't sleep. Too many ideas in our brains and too many feelings in our hearts. 

The following day we participated to a "private" creative writing workshop, where the 7 writers took us by the hand and led us to a place I would call Wonderland but it was (and is) all real. 
They told us their experiences in the writing world and they told us to "switch off the negative button", to "believe in ourselves", "to continue writing", to "write from the heart" and to "inflame our  passions"... 
I mean... read the previous line... And I heard it my own ears... Yes.. they offered us a fresh sip of water after days in the desert. 



I completely loved the four-hour experience and I appreciate the festival. 

Writing is a part of me, a part of my form of expression. If I do not write, I feel so empty, so poor. 
I want to thank Catherine Dunne, she is so sweet, so impressive, so encouraging, (of course, so skilled!!!),  Lia Mills, who is even sweeter, who loves being herself and who has loads of things to teach and transmit, Celia de Frèine, who sings and does not simply read her poems, and her love for purple, June Caldwell, to whom I felt so close: so dark and creepy, so rebel, whose words clash and get on great together at the same time, Anthony Gavin, who missed (and does not regret it!!) an interview with Stephen King, who talks so much (and there is no olive that will stop him from doing so) and mixes English and Spanish and is always so kind, Naimh MacAlister, who writes poems, and whose short story about mother and daughter made me shiver, Martin Malone, who is so shy, nevertheless so powerful in his peculiar way of writing and reading his own lines. Thank you everyone of you.

I want to thank Laura, what we shared is awesome, let's not forget it. 

Catherine Dunne, Laura and Celia de Frèine.


Catherine and me


Good night everyone!!

marti



Ciao a tutti!
come state?

Eccomi qui, prontissima per parlarvi del mio weekend a Verona per il Festival Italireland 2012. 
(http://www.irlandaonline.com/news/eventi/26243-festival-italo-irlandese-a-verona.html).
Questa era la seconda edizione dell'evento culturale, la prima si è tenuta lo scorso settembre a Dublino.
Gli organizzatori dell'evento (almeno due di loro, forse me ne sono persa qualcuno) sono due giovani donne, Federica e Valeria, che hanno messo tutte le loro forze ed emozioni in tutti gli aspetti di questi giorni. 
Per quanto mi riguarda, sabato ho preso la 500 e ho guidato fino a Verona con una cara amica, Laura (l'autrice di Rairish). In un paio d'ore eravamo a Verona e alle 3 già eravamo pronte per il primo step del nostro weekend. 
Il pomeriggio  mi è risultato un tantino strano, non ho immediatamente focalizzato il punto del meeting. Gli autori irlandesi erano li presenti, e sono stata felicissima nell'incontrare di nuovo Catherine Dunne, scrittrice pluripremiata che ho incontrato per la prima volta nel 2007 a Pordenone, in occasione della festa del libro con gli autori, Pordenonelegge.it. 

Lo spritz di ricongiungimento era d'obbligo!!! E il tavolo era davvero italirish: 

Dalla sinistra: Catherine Dunne, io, Anthony Gavin, June Caldwell, Martin Malone e Naimh MacAlister.
Da sinister:Anthony Gavin, June Caldwell, Martin Malone, Naimh MacAlister, Lia Mills, Celia de Freine, Laura e Catherine Dunne (e litri di spritz!).











La sera ci siamo rebate a quell che si sarebbe rivelato un reading strabiliante. 

I nostri 7 autori irlandesi ci hanno deliziato della lettura di brani dei loro libri (wow, ragazzi... che sound ascoltare quelle voci che leggevano!!!), un attore italiano leggeva le traduzioni e negli intermezzi un gruppetto di tre musicisti suonava musiche irlandesi (bravissimi davvero!). 
In quell'occasione Catherine ha letto un passaggio della sua opera Moving on.





Il libro è bilingue (italiano e inglese) ed è stato pubblicato per l'occasione, in 1.000 copie, tutte numerate (io ho la numero 55!!!).
La copertina del libro è una donazione del grande artista italiano Palladino. (i sandali sono parte cruciale della storia!!).

Quella sera Laura ed io non riuscivamo a prendere sonno... nel nostro B&B (stupendo, tra l'altro, arredato a nuovo e i padroni di casa persone davvero simpatiche). Troppe idee nelle nostre teste e troppe emozioni nel cuore. 

Domenica abbiamo invece partecipato ad un evento "privato": un workshop di scrittura creativa, in cui i 7 scrittori ci hanno preso per mano e condotti in un posto che oserei chiamare il Paese delle Meraviglie, solamente che era (ed è) tutto vero!

Ci hanno parlato delle loro esperienze di scrittura, di come hanno cominciato, di come vanno avanti, ci hanno esortato a "spegnere il pulsante della negatività", a "continuare a scrivere", a "credere in noi stessi", a "scrivere dal cuore" e a lasciarci "infiammare dalle nostre passioni"... intendo.. avete letto bene????  Esatto... ci hanno offerto un sorso di acqua cristallina dopo giorni nel deserto...




Inutile dire che ho adorato quest'esperienza di 4 ore e ho apprezzato molto il festival. 

Voglio infine ringraziare Catherine Dunne, così dolce, così impressionante, così incoraggiante (e ovviamente talmente dotata!!!), Lia Mills, che è ancora più dolce e che ama essere se stessa, che ha così tanto da insegnare e trasmettere,  Celia de Frèine, che canta invece di semplicemente leggere le sue poesie (scritte in Irish!!!), e che adora il viola, June Caldwell, alla quale mi sento molto vicina: così dark, così oscura, così ribelle, le parole della quale stridono tra loro ma vanno così d'accordo allo stesso tempo, 
Anthony Gavin, che ha person (volontariamente e non lo rimpiange!!!) un'intervista a Stephen King, che parla molto (e non c'è oliva che possa fermarlo) e che mescola inglese e spagnolo e che è sempre così gentile, Naimh MacAlister, poetessa, e che mentre leggeva il suo brano della storia di quella madre e quella figlia, mi ha messo i brividi, Martin Malone, che è riservato, ma allo stesso tempo ugualmente forte ed incisivo mentre scrive e legge le sue righe. grazie a tutti quanti.

Voglio quindi ringraziare Laura, quello che abbiamo vissuto è incredibile, non lo dimentichiamo.


Catherine Dunne, Laura e Celia de Frèine.


Catherine e me


Notte a tutti!!!


marti





Sunday, May 6, 2012

VERONA ITALIAN IRISH FESTIVAL

brief brief update

Verona is wonderful.

The festival is a great opportunity in its early stage.

Will tell you more soon, and give you details and infos and contacts.

night

marti


breve breve aggiornamento.

Verona è stupenda

il festival è un'ottima opportunità agli albori...

Vi dirò din più prossimamente, e vi darò dettagli e contatti utili.

notte

marti

Saturday, May 5, 2012

CATHERINE DUNNE IN VERONA

Good morning readers!!

how are you in this sunny Saturday?

In a couple of hours I'll be driving to Verona for a two-day creative writing workshop and meeting with the super writer Catherine Dunne, author of books like "at a time like this", "another kind of life", "set in stone", a name for himself" and so on!!!, who's working in Verona for this weekend in this festival http://www.veronainblog.it/wp/2012/04/30/catherine-dunne-e-john-lynch-al-secondo-festival-italo-irlandese/ (couldn't find an English site!!!! umpf!), dedicated to Irish and Italian cultures.

The program is really interesting and I cannot wait to meet again Catherine, (I first met her in 2007, I worked with her during the important cultural event in Pordenone) (pordenonelegge.it). If you want to follow the Irish writer, connect here: http://www.facebook.com/Author.CatherineDunne. (in English!!!)
I will, of course, tell you more on Sunday when I come back :)

So, enjoy your weekend and keep in touch soon!!!

marti



Buon pomeriggio carissimi lettori!!!

come state in questo sabato di sole?

Tra un paio d'ore sarò in macchina verso Verona, per un paio di giorni di seminario di scrittura creativa in inglese con la mitica scrittrice irlandese Catherine Dunne (autrice di libri quali: tutto per amore, la metà di niente, donna alla finestra...), che sta lavorando proprio in questo weekend a Verona nel festival culturale italo irlandese: http://www.veronainblog.it/wp/2012/04/30/catherine-dunne-e-john-lynch-al-secondo-festival-italo-irlandese/.

Il programma è davvero interessante e non vedo l'ora di incontrare di nuovo Catherine, con la quale ho lavorato a Pordenonelegge (pordenonelegge.it) nel 2007. Se volete seguire la scrittrice irlandese, ecco qui dove potete farlo: http://www.facebook.com/Author.CatherineDunne.
Vi racconterò di questo workshop culturale non appena rientro a casa!!

Divertitevi e godetevi il weekend!
a presto!!

marti





Friday, May 4, 2012

CHARITY BOOK SALE

Hi everyone!

remember when I wrote a post about the book that my high-school English teacher wrote, Rairish?





Well, I want to announce that that book (which I loved so much) is now available (in Italian) here:
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=781879&fb_source=message
Laura Cimetta is selling her publication and the money she is raising is already on its way to India, where it will be used to build a school in the center Bal Prakash (visit the site: http://digilander.libero.it/balprakash/index.html)  


She has already raised some money and sent it to India, but I just wanted to help her in this.
If you want to contribute to this small, yet extremely important, effort to give kids new chances and opportunities, buy the book here: http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=781879&fb_source=message

I repeat it, it's in Italian, so those of you who read Italian, or those who want to contribute in any case, do not hesitate in buying a copy.

Laura will be glad and the report of the bank transfer to India will be sent to you.

Just wanted to be part of this humanitarian event.

Love you all,

PS
welcome to my new readers from China, Australia, Latvia, Mexico.

be a part of this world, with me.

thank you,
marti





Ciao a tutti!!

vi ricordate di uno dei miei vecchi post, dove parlavo del libro che la mia professoressa di inglese delle scuole superiori ha scritto, Rairish? 



Ebbene, ve ne voglio parlare ancora per annunciarvi un'iniziativa interessante: questo libro (che io ho apprezzato così tanto) è ora disponibile (in italiano) qui: 
http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=781879&fb_source=message 
Laura Cimetta vende il suo libro e il ricavato va interamente in India, per costruire una scuola, il centro
Bal Prakash (visitate il sito: http://digilander.libero.it/balprakash/index.html)  

Laura ha già raccolto del denaro che ha inviato in India, ma io voglio cercare di contribuire al suo progetto. 
Se volete contribuire anche voi a questo piccolo, ma estremamente importante, impegno per dare ai bambini indiani nuove opportunità, comprate il libro qui:  http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=781879&fb_source=message 

Lo ripeto, il libro è in italiano, ma coloro che riescono a capirlo o che comunque vogliono partecipare, possono comprarne una copia. 

Laura sarà felicissima e vi invierà copia del bonifico che lei fa puntualmente con destinazione India.  

Ecco, volevo semplicemente dirvi che mi sta particolarmente a cuore questa iniziativa privata. 

Un grazie a tutti.

PS
benvenuti ai miei nuovi lettori da Cina, Australia, Lettonia, Messico!!!

grazie
marti



Thursday, May 3, 2012

DARE TO RISK

Good evening readers, my dear friends.

how are you?

As I anticipated yesterday, here you will find another poem of mine present in the book "Straniera dentro" (foreign inside) published by Albatros Il Filo (www.gruppoalbatros.it) (www.martinalunardelli.ilfilo.eu).

Today I will explain you the poem "Risk".

Follow a thought.
Lose your faith.
Choose the risk.
You never know what's around
your soul.
Is it worth it?
Life is one.
Suffering is huge.
What is life, really?


This is one of my favorite poems. And why? Because during all my life I've always thought that I should risk something if I wanted to follow my dreams and to look for what I am or who I would like to be.
As the years passed, and as I became a young lady, I understood that this risk was worth the result. I understood that life is made to risk, is made to improve and is made to see what's around us.

So this poem was born, as always, in a rush of thoughts that I had to scribble down on my agenda.
This one is about taking the risk, losing the track and never be in a hurry to get back on the path.
It is beautiful to close your eyes and to think about the things that make you happy, that keep you alive and let you taste the flavor of life on your tongue.

To me all this is very important. Life and events are not always positive, they can lead to suffering and pain, something that is unbearable.. but we need to go on looking for the sun.

And take our risks.

Be yourself. And risk.


marti





Ciao a tutti miei cari amici lettori.

Come state?

Come vi ho anticipato ieri, ecco qui un'altra poesia della raccolta "Straniera dentro" edita da Albatros Il Filo (www.gruppoalbatros.it) (www.martinalunardelli.ilfilo.eu).

Oggi vi voglio spiegare (o meglio dire qualche parola in più) su "Rischio".

Insegui un pensiero.
Perdi la fede.
Scegli il rischio.
Non sai mai cosa c'è,
fuori dalla tua anima.
Ne vale la pena?
La vita è una.
La sofferenza è immane.
Cos'è invero la vita?



Questa è una delle mie preferite. E perché? Ebbene, durante la mia vita ho sempre pensato che dovevo rischiare se volevo seguire i miei sogni e cercare quello che ero o chi volevo essere. 
E con il passare degli anni, divenuta una giovane donna, ho capito che il rischio valeva il risultato. Ho capito che la vita è essa stessa un rischiare continuo, è fatta per essere migliorata e per farci vedere cosa c'è  attorno a noi. 
Questi versi sono nati, come sempre, in uno sfarfallio di pensieri che ho scribacchiato velocemente nel mio quadernetto. 

La poesia esprime il rischio, è un incitamento a perdere la via e non avere fretta di ritrovare la strada. 
E' così meraviglioso chiudere gli occhi e pensare alle cose che ti rendono felice, che ti tengono in vita e che ti permettono di sentire sulla punta della lingua il gusto della vita. 

Per me tutti questi aspetti sono fondamentali. La vita, e gli eventi che ci capitano, non sempre sono positivi, possono invece portare a grandi sofferenze, a forti dolori che non sono sopportabili... ma noi dobbiamo continuare ad andare avanti... e a cercare il sole.

E a rischiare. 

Siate voi stessi. E rischiate.

marti



Wednesday, May 2, 2012

NEW POST

Hi beloved readers.

Stay tuned, because tomorrow on the blog a new poem of mine, from the book Straniera dentro  :)

talk to you soon!!!

marti




Ciao a tutti i miei amati lettori.

Volevo dirvi di rimanere sintonizzati, perché domani sul blog inserirò un'altra poesia dal mio libro Straniera dentro. :)

a presto!!!!

marti

Follow me