Wednesday, January 8, 2014


Dear followers,

how are you? How was the first week of the new year?

As I have anticipated in my last post, here I am, celebrating the beginning of 2014 sharing with you this amazing interview I had the pleasure to have with Duane Ram, the Producer and the Executive Director of Sacramento Fashion Week.
I had the great honor to meet Duane in person last November in Sacramento, California, during one of Sacramento Fashion Affair events. It was held in Trumpette Inc building.

Here you can see a couple of pictures of me (blonde one with Wonder Anatomie bone jacket) and Duane and some fashion designers at the event, taken by the official photographer of the event, Igor Kondrya.

And here is my interview with Duane! have fun! 

TFL: Do you remember your first Sac Fashion Week?
D: Sac Fashion Week started from a Mixer in 2004.  I had just moved out to Sacramento from the San Francisco Bay Area and was attending a model casting.  There I met a small group of individuals that included photographers and designers who were trying to organize an event to connect the local fashion community.  The event turned out great and we were all amazed at how many people attended.   

TFL: Do you remember how you got started with it?
D: I started with the production as a model.  At the time I had already been working in the industry for a few years. It also helped that I had done a number of fashion shows through out California, including LA Fashion Week and San Francisco Fashion Week.  So the production relied on my experience to cast and train the models.  As the years went by, I kept getting more and more involved with the behind the scenes, and eventually taking on the role of Executive Director and Producer in 2010.

TFL: Duane, you are an American actor and model, why did you want to start this amazing adventure of Sacramento Fashion Week? Could you tell me about your passion for fashion?
D: When I moved out to Sacramento, I was a little disappointed that there wasn't much happening in terms of the fashion scene.  There were shows happening but they were mostly in clubs and bars.  I knew that because I participated as a model in them, and they weren't doing the designers justice.  They were entertaining but that's all they were doing.  As a model, I couldn't really use the pictures from these shows, and it was also difficult to even get a copy of them.  No one was really working together. I was still very active as an actor and model in San Francisco, and I was involved in fashion shows in San Francisco.  I saw first hand how they put them together.  They had them in ballrooms and huge venues that were presented and light up well.  They had better pictures but it was still a difficult task to get them as a model.  So what I did was take my experience from different shows and incorporate what I believed worked into our production.  

TFL: Next February 2014 Sac Fashion Week will celebrate its 8th birthday, isn’t it? How will you celebrate? Where will it be held? And when?
D: Every Fashion Week is actually a birthday party if you think about it.  We will start off with a Launch Party on Sunday, February 16th and the week will run through Saturday, February 22nd.  Things are always changing but you can be sure we will have 3 days of fashion showcases.  When we started, we only had one showcase and a launch party.  Not every city has a full week but we have managed to do so. 

TFL: I know the main theme of Sac Fashion Week 2014 will be fashion and technology. Can you explain this concept to me?
D: This year we are trying to show how fashion has grown and that technology has a big part in that.  Earlier this year, Lady Gaga presented the first ever flying dress at the launch of her new album.  We don't quite have flying dresses taking off the runway but it just goes to show the industry is evolving.  There is a company out of San Francisco called Future tech wear.  They are working on a line of electronic clothing and has started a kickstarter account introducing Zackees Turn Signal Gloves.  Clothing made for cyclic that signals when the rider is turning.

TFL: Could you tell us how many fashion shows will there be next February?
D: We have 3 fashion showcases happening in February.  The designer showcases happens on Friday, February 21st and Saturday, February 22nd.  On Friday we have 8 designers showcasing Spring/Summer Collections and then on Saturday another 8 designers will be showcasing Winter/Fall Collections.  On Thursday, February 20th there is the boutique showcase where we bring in 6 boutiques  from in and around Sacramento to set up a pop up boutique in the venue.  This will give all the attendees an opportunity to shop and check out a store they may not have known about. In addition to these featured boutiques, we will also have food, wine and jewelry vendors creating a unique shop and dine experience.  The event climax will be when the 6 boutiques all take to the runway one after the other presenting the newest looks for the season, which will all be available for purchase right after the show.

TFL:  I know you have a great goal for your Sac Fashion Week: to let it be bigger and bigger as the years go on. Do you think it can be a new NYFW?
D: We can certainly try and we do aim to be like NYFW, but we can't do what New York does.  Every city is different, and we have to cater it to our surroundings to make it work.  

TFL: Tell us how is a typical SAC Fashion Week day.
D: Well one of the hardest days is Friday.  Main reason is because we just do the boutique showcase and we have to totally change the whole staging set up for the designer showcase. 
Starting from 7:00 a.m. the staging crew and all the staff starts transforming the previous nights set up into a totally different look and things unfold as the day goes on: from the cleaning operations to the meetings over the process of the day, the hair and make up stylists get ready to set up of the backstage, the models arrive and get prepared. The runway seating is prepared and we meet often to check that everything is ok. In the afternoon the media and the VIPs arrive and at 7:00 p.m. the general admission starts. The show ends at around 10:00 p.m. and we make an appearance at the after party. The night ends at 1:00 a.m. 
That's a full day, isn't it?

TFL: Do you want to share a couple of names of designers with whom you’re working for the next SAC Fashion Week?
D: I always like to invite back a couple of past designers that presented well. It helps to give the show some continuity.  It also shows that designers like doing our showcase and want to return.  Last year designer Michael Kouri  owed the audience with his dramatic designs so we are looking forward to his Fall/Winter 2014 Collection.  Also returning are local favorites designes Janelle Cardenas,  Yennie Zhou and Maisha Bahati   We also have a special returning guest designer Vasily Vein, whose collections always bring out the wow factor.

TFL: Could you tell me where my readers can follow SAC Fashion Week news and updates? 
D: Our facebook account is always active with local and national updates in the fashion industry.  As we get closer to our events you can find up to date posts on model castings and the behind the scenes prep for the week.  We also have a youtube account where you can view our mini documentaries and behind the scenes look at previous years.  There are other social media accounts like twitter and instergram that are all linked to our website.  All of which have some updates unique to them.

TFL: Thank you, Duane, for the time you dedicated to me and The Fashionable Lounge, my readers from all over the world and I really appreciate it. 

Guys, did you find this interview interesting? Let me know your thoughts and if you happen to be in Sacramento next Februrary, from the 16th to the 22nd you could be part of one of the most waited Fashion Affairs in the area!!!! 
Check all the details on SAC Fashion Week website:!!!


Carissimi lettori,

come state? Come avete trascorso la vostra prima settimana del 2014?

Come vi avevo anticipato nel mio ultimo post, eccomi qui a festeggiare l'arrivo del 2014 condividendo con voi un'intervista speciale che ho proposto a Duane Ram, il Produttore e il Direttore Esecutivo della Sacramento Fashion Week.
Ho avuto il piacere di incontrare di persona Duane lo scorso novembre a Sacramento, California, durante uno degli eventi organizzati dalla Sacramento Fashion Week, tenutosi presso il Trumpette Inc building.

Eccovi un paio di foto di me (bionda con giacca Wonder Anatomie con scheletro) e Duane e alcuni stilisti all'evento, fotografati dal fotografo ufficiale, Igor Kondrya.

E ora godetevi la mia intervista a Duane!

TFL: Ti ricordi ancora la tua prima SAC Fashion Week? 
D: La Sac Fashion Week ebbe inizio con un evento organizzato nel 2004. Mi ero di recente trasferito a Sacramento da San Francisco e stavo prendendo parte ad un casting per modelli. Incontrai un ristretto gruppo di persone, tra le quali fotografi e stilisti, che stavano cercando di organizzare un evento che mettesse in comunicazione tutti i soggetti della comunità legata alla moda di Sacramento. L'evento fu un successone e tutti rimanemmo stupefatti dalla quantità enorme di persone che vi partecipò.     

TFL: E ti ricordi come hai iniziato? 
D: Ho iniziato come modello. Al tempo avevo già lavorato nel settore moda da parecchi anni, e il fatto di aver partecipato a un numero discreto di fashion shows in California (comprese la LA Fashion Week e la San Francisco Fashion Week) è stato un elemento a mio favore. Pertanto, la produzione si basava sulla mia esperienza per la selezione e il training dei modelli e delle modelle. Con il passare degli anni, sono stato sempre di più coinvolto nel dietro le quinte e alla fine eccomi qui, a rivestire il ruolo di Produttore e Direttore Esecutivo, dal 2010. 

TFL: Duane, tu sei un attore e un modello americano, come mai hai iniziato questa incredibile avventura della SAC Fashion Week? Potresti parlarmi della tua passione per la moda?
D: Quando mi spostai a Sacramento, rimasi un po' deluso da quanto stava accadendo nella moda. Esistevano sfilate ed eventi, ma avevano luogo principalmente nei locali e nei bar. Erano eventi d'intrattenimento, ma nulla più. Come modello, non avevo la possibilità di utilizzare le fotografie di quelle sfilate, addirittura era estremamente complicato averne le copie. Nessuno lavorava in team. Ero, all'epoca, molto attivo come attore e modello a San Francisco e partecipavo a molte sfilate ed eventi nella città. Quindi, vedevo con i miei occhi come quegli eventi venivano organizzati: le location erano sale da ballo e luoghi imponenti, curati nei dettagli con luci e tutto il resto. Le foto che ne uscivano erano di certo migliori, ma ancora una volta quasi impossibili da avere, per te che eri un modello. Perciò, quello che decisi di fare fu prendere la mia esperienza da diversi eventi di moda e incorporarla in quello che credevo avrebbe funzionato per la creazione della nostra produzione.  

TFL: Il prossimo febbraio la Sac Fashion Week compirà il suo ottavo compleanno, esatto? Come festeggerete? Dove sarà tenuta e quando? 
D: Ogni Fashion Week, se ci pensi, è come una festa di compleanno. Terremo un party di inizio la domenica 16 febbraio, e la settimana sarà densa di eventi fino al sabato 22 febbraio. Le cose cambiano in fretta, ma puoi stare certa che ci saranno tre giornate piene di sfilate. Quando iniziammo, avevamo solo una giornata di sfilate e un parti inaugurale. Non tutte le città hanno una settimana intera di Fashion Week, ma noi alla fine ce l'abbiamo fatta. 

TFL: So che il tema principale della Sac Fashion Week 2014 sarà moda e tecnologia. Potresti spiegarmi meglio questo concetto? 
D: Quest'anno stiamo cercando di mostrare come la moda sia cresciuta e stia crescendo e come la tecnologia rivesta un ruolo fondamentale in tutto questo. L'anno scorso Lady Gaga presentò il primissimo esemplare di abito volante al lancio del suo nuovo album. Non avremo abiti volanti che spiccheranno il volo dalla passerella, ma avremo qualche chicca per dimostrare come l'industria si stia evolvendo. Esiste un'azienda a San Francisco, chiamata Future tech wear, al lavoro su una linea di tessuti elettronici e ha presentato i guanti Zackees Turn Signal Gloves: tessuti costruiti per i ciclisti che segnalano quando il ciclista sta girando. 

TFL: Quante sfilate ci saranno a febbraio alla Fashion Week?
D: Come già ti anticipavo, avremo tre giornate di sfilate, a Febbraio. Gli stilisti avranno le loro giornate il venerdì 21 e il sabato 22. Il venerdì avremo 8 stilisti che presenteranno le loro collezioni Primavera/Estate e poi il sabato avremo altri 8 stilisti con le loro collezioni Autunno/Inverno. Il giovedì 20, invece, ci sarà una specie di mostra delle boutique: 6 boutique provenienti dalla zona di Sacramento installeranno una boutique nell'edificio. Questo darà l'opportunità ai partecipanti di fare shopping e di conoscere negozi che, magari, non avevano mai visto. Oltre a queste boutique selezionate, avremo stand con una selezione raffinata di cibi e vini e anche gioielli, per creare un'esperienza di shop-and-dine unica. Il climax dell'evento verrà raggiunto quando le 6 boutique presenteranno i loro abiti in una sfilata, una dopo l'altra. 

TFL: So che hai, per la tua SAC Fashion Week, un grande obiettivo: farla crescere sempre più con il passare del tempo. Dici che ce sarà la nuova NYFW? 
D: Possiamo sempre provarci e ci piacerebbe moltissimo, ma non possiamo fare come New York. Ogni città è differente e dobbiamo cercare di raccogliere le forze che ci circondano e farle andare verso gli obiettivi giusti. 

TFL: Raccontaci una giornata tipo della SAC Fashion Week. 
D: Una delle giornate campali è il venerdì. La ragione principale di ciò è che dobbiamo ridisegnare tutto il layout della location per dare spazio alle sfilate per le boutique. Inizierà di certo presto, alle 7 di mattina, con lo staff che inizierà il processo di trasformazione della location, pulizie, cambio di look. Poi ci saranno molti meeting, ai quali parteciperemo per assicurarci che le cose procedano come dovuto. Poi arrivano i truccatori e i parrucchieri, che allestiscono il backstage. Dopo di loro arrivano le modelle e i modelli e si comincia con la preparazione. Poi vengono preparate le sedute e ci sono continui meeting. Nel pomeriggio arrivano i media e i VIP e alle 7 iniziamo con l'entrata delle persone. Le sfilate hanno inizio e il tutto finisce versore 10 di sera. Poi tutti all'after party. La fine di tutto, e l'ora del riposo, arriva verso l'una di notte. 
Una lunga giornata, no?

TFL: Ti va di condividere con noi alcuni nomi di stilisti con i quali stai lavorando per la prossima SAC Fashion Week?
D: Mi piace sempre invitare alcuni stilisti delle scorse edizioni che hanno fatto un buon lavoro, in questo modo diamo continuità allo show e dimostriamo anche come gli stilisti stessi siano felici di ritornare. Lo scorso anno lo stilista Michael Kouri ha sbalordito l'audience con le sue opere d'impatto, perciò non vediamo l'ora di vedere la sua collezione Autunno/Inverno 2014. Altri che ritorneranno sono i nostri "locali" preferiti: Janelle Cardenas, Yennie Zhou e Maisha Bahati.  Ritornerà anche, evento speciale, come ospite, Vasily Vein, le cui collezioni fanno sempre rimanere a bocca aperta.

TFL: Potresti dire ai miei lettori come possono seguire le notizie e gli aggiornamenti della SAC Fashion Week? 
D: La nostra pagina Facebook è sempre attiva con molti aggiornamenti sul mondo della moda. Con l'avvicinarsi dell'evento pubblicheremo post sul casting dei modelli e delle modelle e anche i dietro le quinte della settimana. Abbiamo anche un youtube account, dove potranno vedere mini documentari e i dietro le quinte delle edizioni passate. Ci sono altri social media come  twitter e instergram, che sono tutti collegati al nostro website.  Ognuno di essi ha aggiornamenti unici.

TFL: Grazie mille, Duane, per il tempo che mi hai dedicato, i miei lettori da tutto il mondo l'apprezzeranno di certo. 

Ragazzi, vi è piaciuta questa intervista? Fatemi sapere i vostri pensieri, o avete qualche domanda da fare a Duane? Fatemelo sapere. Se capitate a Sacramento il prossimo febbraio, dal 16 al 22 potreste fermarvi e dare un'occhiata alla SAC Fashion Week. Controllate i dettagli su!!!


Monday, December 23, 2013


Dear readers,

this is my favorite time of the year: Christmas.

I want to wish you all an exciting holiday season and a lot of joy and fun.

Stay tuned, I will be back soon with a super interesting post!!!


Carissimi lettori,

ecco arrivato il periodo dell'anno  che preferisco: il Natale!

Voglio augurarvi delle feste brillanti e luminose.

Rimanete collegati, presto pubblicherò un altro post super interessante!!!


Monday, December 9, 2013


Good afternoon everyone!

As I have anticipated, here is another super-interesting interview from California!!!
Tell me your thoughts! 

When I first set foot in Folsom Historic District, I was amazed by the leap back in time I was experiencing.
I had my very first meeting of my USA business trip with Teresa, the owner of CelestinaBridal Boutique (604 Sutter Street, Suite 170, Folsom, CA  95630).

Celestina Bridal Boutique is like entering into a parallel world, a universe of white, blossoming, charming flowers. And we meet her: Teresa.
Teri (as her friends call her) is the tall and gorgeous owner of Celestina Bridal Boutique.
Her Boutique was opened last August and it looks like it has always been there.

Sitting in the heart of this magical place, surrounded by amazing dresses and gowns, I had the honor to interview Teri.

TFL: Is “Celestina Bridal Boutique” a name you chose personally? And why did you choose “Celestina”?

Teri: Yes, I personally chose the name of my Boutique and I chose Celestina because in Italian it means Heavenly and since I want all my brides to feel like in Heaven when they are here looking for their favorite gown, I thought that name was simply perfect.

TFL: Before opening your Celestina Bridal Boutique you used to work as an HR manager in different environments and in the retail sector. Therefore, this is a pretty big change in your life, isn’t it? Why did you decide to open a Bridal Boutique? How did it change your life?

Teri: Oh well, it is indeed something different, since this is the very first time I am on my own and have to manage all the aspects of a business. Nevertheless, I have always been fond of fashion, and I think the bridal sector is a part of it. It changed my life because working on your own is challenging and is not always easy, mainly when you start.

TFL: In your boutique your brides can find many dresses and gowns from Demetrios and Cosmo Bella brands. Do you embrace Demetrios’ statement: “ I like things to look light and delicate”? Do you think it applies only to wedding dresses or also to everyday elegance?

Teri: I don’t like the word embrace. I do not embrace his statement, I agree with it. The wedding dress could be light and delicate, but it is not an overall statement.

TFL: What should a bride do when choosing her wedding dress?

Teri: I would say she needs to have no rules, to go beyond borders and to never say no. She should get free from preconceived notions and feel free to try on what she really likes. I want my brides to feel good in what they wear and this includes my modest brides who need to feel confident and immediately in love with their modest gowns.

TFL: Thank you, Teri, for your time and I was so glad I had the chance to meet you in your heavenly queendom!

If you get the chance to visit Teri’s Celestina Bridal Boutique website, you will remain astonished by its delicate and elegant features and I hope you will enjoy Teri’s blog and activities as much as I did. If you live in the Sacramento area, stop by and check in with her. I recommend her and her boutique to any bride that want to feel in heaven starting from the very beginning of the wedding planning process.
Follow her on Facebook and Twitter too!!!


Buon pomeriggio a tutti!

Come promesso, ecco qui un'altra intervista super-interessante dalla California!

Non appena messo piede nel Distretto Storico di Folsom, sono rimasta impressionata dal salto indietro nel tempo che stavo sperimentando.
Avevo il primissimo meeting di questo mio viaggio di lavoro statunitense con Teresa, la proprietaria di Celestina Bridal Boutique, 604 Sutter Street, Suite 170, Folsom, CA  95630.

Celestina Bridal Boutique è un mondo parallelo, un universo di bianchi e deliziosi fiori in boccio. E ci si trova davanti lei: Teresa.
Teri (come la chiamano gli amici) è l’alta e bellissima proprietaria della Celestina Bridal Boutique.
La sua Boutique è aperta da agosto ed è talmente radicata nel posto da sembrare essere stata lì da sempre.

Seduta al centro di questo luogo magico, circondata da meravigliosi abiti, ho avuto l’onore di intervistare Teri.

TFL: Il nome della tua Boutique “Celestina Bridal Boutique”, l’hai scelto personalmente? E come mai hai scelto “Celestina”?

Teri: sì, ho scelto personalmente il nome della Boutique e Celestina in italiano ricorda la parola “celestiale” e dato che il mio più grande desiderio è quello che le mie spose si sentano in Paradiso quando sono qui a cercare il loro abito perfetto, ho ritenuto che quel nome fosse semplicemente perfetto.

TFL: Prima di aprire Celestina Bridal Boutique ti sei occupata di Risorse Umane in diversi ambienti lavorativi. Credo quindi che questa tua nuova attività sia un grosso cambiamento nella tua vita, giusto? Spiegaci perché hai deciso di aprire la tua Boutique di abiti da sposa. Come ha cambiato la tua vita?

Teri: Beh, di sicuro è qualcosa di diverso rispetto a quello che facevo, prima di tutto perché è la primissima volta che mi cimento in qualcosa di mio e devo gestire tutti gli aspetti di questo settore e della nuova attività. Ma ho sempre avuto una grande passione per la moda e considero il settore sposa come facente parte integrante di questa. Di certo ha cambiato la mia vita, perché lavorare in proprio è molto impegnativo e non sempre facile, soprattutto all’inizio.

TFL: nella tua Boutique le spose possono trovare molti abiti dei brand Demetrios e Cosmo Bella. Abbracci l’affermazione di Demetrios: “Mi piace che le cose siano leggere e delicate”? Pensi che questa frase si possa applicare solo agli abiti da sposa o anche all’eleganza di tutti i giorni?

Teri: Non mi piace la parola “abbracciare”. Non abbraccio completamente la sua affermazione, piuttosto mi definisco d’accordo. L’abito da sposa può essere leggero e delicato, ma non la considero un’affermazione che va bene per tutto.
TFL: Quando si tratta di scegliere il suo abito, una sposa cosa dovrebbe fare per scegliere davvero quello giusto per lei?

Teri: il mio consiglio sarebbe quello di non avere regole, di andare oltre i propri confini e di non dire mai di no. Dovrebbe liberarsi da nozioni prestabilite e sentirsi libera di provare quello che davvero le piace. Voglio che le mie spose si sentano bene nell’abito che indossano e in questo desiderio ovviamente includo anche le spose che non vogliono abiti troppo scollati, voglio che s’innamorino subito dei loro abiti.

TFL: Grazie, Teri, per il tuo tempo ed è stato un piacere incontrarti nel tuo celestiale reame!

Se avete la possibilità di visitare il sito internet Celestina Bridal Boutique di Teri, rimarrete esterrefatti dalle sue linee eleganti e delicate e spero che darete un’occhiata al blog di Teri e alle attività nelle quali è coinvolta. E per coloro che vivono nella zona di Sacramento, fermatevi a salutarla. Raccomando vivamente la sua Boutique a tutte le spose che vogliono davvero sentirsi in paradiso fin dai primi momenti dell’organizzazione del matrimonio!

Seguitela anche su Facebook e Twitter!!!


Monday, November 25, 2013


Dear all,

it is a pleasure to greet you from sunny Sacramento, California.

I am here for some business meetings, and I will surely keep you posted about some that may be of some interest for you.

Once said that, I will soon post a new interesting interview I had here in Sacramento.

Stay tuned and follow the blog!


Carissimi tutti,

è un enorme piacere per me salutarvi dalla soleggiata Sacramento, California.

Sono qui per alcuni impegni lavorativi, e vi terrò informati su qualche meeting che vi potranno interessare.

Una volta detto ciò, vi anticipo già che il mio prossimo post sarà un'altra interessante intervista che ho avuto il piacere di tenere con una persona speciale qui a Sacramento.

Rimanete collegati e condividete il blog!!


Thursday, November 14, 2013


Dear all,

as I have already anticipated a blogpost ago, here is a fantastic surprise for you but first of all for myself.

One of the most famous, skilled and talented make up artist in the New York City area, Meli Pennington, kindly accepted to answer my questions for an interview to be published here on my blog for all my readers. With her blog WildBeauty she wants to express her personality through her job and passions. I love it.

Meli Pennington

I was really pleased when I noticed how nice this woman is and how seriously she takes her tasks and how beautifully she answered my questions.
You can follow Meli and her works on Pinterest, Twitter and Instagram (@melimell23) too!

So, ladies and gentlemen, I am honored and super-pleased to publish my interview with Meli Pennington.

The fashionable lounge: Why did you call your blog "Wild beauty"? 

Meli: When I think of beauty and makeup, it's not just which products should I buy or how do I use them. Beauty practices and self-presentation are part of every culture - they're part of who we are as people. Looking at beauty this way, the kinds of topics I can cover go far and wide - I knew when I started this that I would be coloring outside the lines.

TFL: What was your vision or what signs did you have which brought you to start your blog? 

Meli: I had thought that this would be a good topic for a TV show. But the way beauty is presented on television is still 'bimbos obsessing about mascara and boyfriends', so I thought I would start the blog and see what the response was.

TFL: Do you remember your first post? What was it about and where were you? 
Meli: My first post was a profile of my friend Gerald DeCock, a hairstylist and fine artist. It took me ages to write it, and I was terrified to post it as well. I went from being self-conscious about posting my writing for other people to being self-conscious about not posting enough!

TFL: I have always thought that make-up is an artistic expression of the makeup artist and of his/her mood and character. Is this a description that works for you? Even when you need to interpret someone else's mood or feature (maybe for a photo shoot or an ad campaign)?

Meli: I don't think that makeup is an artistic expression of me at all. It's always an interpretation - of a face, of a creative direction for a shoot, of a personality. I used to struggle with this - and not feel 'creative' enough - but maybe all creativity is interpretation. I may see a face differently than another artist, and see a different path to beauty, but ultimately it's about the face or the photo, not me and my moods.

TFL: I was attracted by a part of your blog title: "beauty. culture". Do you think beauty is interconnected and linked with culture? Do they have effects on each other? Does this apply to every moment of social history or has it changed in time?

Meli: Beauty is intimately linked with culture - everywhere and at all times. What is considered beautiful has to do with history, economics, technology, trade, geography, and even religion. We humans were wearing makeup and beads before we were using metal tools. It is superficial, in that it's an outer layer and decorative, but what is beautiful in a culture speaks volumes about that culture.

TFL: What does inspire you when you write a post on your blog? Are you happy when you write?

Meli: Funny 
you should ask me that - I'm in the middle of a serious writing block/ resistance. I have always been happy when I have written, but I am not a 'happy writer'. It's not very social, as work goes.

TFL: How much do you love your job, and what does make you happy when you work on a makeup session? What motivates you?

Meli: I'm happy when I find that next level of beauty in a face. People think that makeup is about covering up, but I find that makeup can reveal a face's otherwise unnoticed beauty..

TFL: In your 
blog you mix videos and written parts, but I can see you give more space to written posts and pictures. Why?

Meli: Part of it is that it's just me, and writing and finding pictures is easier than shooting and editing video. Part of it is the blog architecture - I feel that writing reviews and quick posts don't really fit with the longer pieces. I'm working with a developer on a redesign - it will be interesting to see how that affects the kinds of posts I do....
TFL: I love your “Book Reviews” category on your blog, and I know you read. Do you often read books? What books do you like reading?

Meli: I read very widely - lots of nonfiction, on topics from beauty to art to psychology to business to whatever catches my fancy. New York has the best library system in the world, so I'm lucky. I also buy books like some bloggers buy shoes - in my gazillionaire dreams I have a fantastic library of my own. So yeah, I'm one of the 'book people'. On the site, I'm hoping to expand the book reviews into a mini book store for beauty and fashion. 

TFL: A beauty trick for my readers? 

Meli: One great foundation/concealer trick for women who like to look natural is to not cover every flaw. Using foundation or concealer to just cover the few things that are standing out (like redness around the nose, or that pimple that showed up overnight) and leaving the rest if the face natural looks to most people like you're not wearing much of anything, and just have great skin.

TFL: Thank you for your great contribution to my blogpost and thanks for sharing your thoughts with me and all my readers! 
If you want to read more about Meli, have a look at her blog WildBeauty!!! 
If you want to leave comments or ask some questions, feel free to write them in the comment space! 

I really hope my next post will be as exciting as this one: from California !!!


Carissimi tutti,

come vi avevo anticipato un blogpost fa, ecco qui una fantastica sorpresa per voi, ma prima di tutto per me.

Una delle make up artist più famose e talentuose di New York City,  Meli Pennington, ha deliziosamente accettato di rispondere ad alcune domande per un'intervista da pubblicare sul mio blog per tutti voi. Ecco qui il suo blog WildBeauty , con il quale Meli esprime la sua personalità attraverso il suo lavoro e le sue passioni e interessi. Geniale.

Meli Pennington

Sono stata davvero entusiasta nello scoprire quanto disponibile sia questa donna e di quanto prenda seriamente il suo lavoro, e guardate come ha risposto alle mie domande!
Potete seguire Meli e i suoi lavori su PinterestTwitter e anche Instagram (@melimell23)!

Signore e Signori, è con immenso onore che pubblico la mia intervista a Meli Pennington.

The fashionable lounge: Perché hai deciso di chiamare il tuo blog "Wild beauty"(bellezza selvaggia)? 

Meli: Quando penso alla bellezza e al makeup, non mi chiedo semplicemente quali prodotti dovrei acquistare e come dovrei utilizzarli. Le pratiche di bellezza e di presentazione di noi stessi sono parte integrante di ogni cultura, sono una componente di ciò che siamo come popolo, come persone. Guardando alla bellezza in questi termini, le tipologie di argomenti da trattare diventano innumerevoli, e nello stesso momento in cui mi sono resa conto di ciò, ho avuto la certezza che avrei colorato fuori dai margini.  

TFL: Qual è stata la tua "visione" o i segni che ti hanno fatto pubblicare il tuo blog?

Meli: Pensavo sarebbe potuto essere un tema interessante per uno show televisivo, ma il modo in cui la bellezza viene mostrata in televisione è, purtroppo, ancora "oche giulive ossessionate dal mascara e dai fidanzati", perciò ho voluto dare vita al blog e vedere il tipo di riscontro che avrebbe avuto. 

TFL: Ricordi ancora il tuo primo post?
Meli: Il mio primo post fu il profilo del mio amico Gerald DeCock, hairstylist e grande artista. Ci misi una vita a scriverlo, e la pubblicazione fu altrettanto difficile. Ero terrorizzata! Mi sentivo imbarazzata quando pubblicavo qualcosa che avevo scritto io per gli altri per poi, col tempo, sentirmi a disagio per non pubblicare abbastanza!

TFL: Ho sempre considerato il makeup come un'espressione artistica del makeup artist, che può cambiare in base all'umore e al carattere. Questa descrizione funziona anche per te? Funziona anche quando devi interpretare le caratteristiche o gli umori di altri (per esempio durante uno shooting fotografico o una campagna pubblicitaria)?  

Meli: Non penso che il makeup sia un'espressione artistica di me. Anzi. Lo considero sempre un'interpretazione di un volto, di una direzione creativa durante uno shoot, di una personalità.  Non ho sempre pensato così, a volte mi ritenevo poco "creativa" ma forse ogni creatività è in realtà interpretazione. Posso guardare ad un volto in maniera differente rispetto ad un altro makeup artist, o concepire diversi percorsi di bellezza, ma sono convinta che esca tutto dal volto o dalla foto, e non da me o dai miei umori.

TFL: Mi ha colpito molto una parte del titolo del tuo blog: "beauty.culture" (bellezza.cultura). Ritieni che la bellezza sia interconnessa e legata alla cultura? Ci sono legami/effetti tra le due? Questo legame è sempre presente in ogni momento della storia sociale o si è modificato nel tempo?

Meli: La bellezza vanta un legame molto intimo con la cultura: ovunque e da sempre. Ciò che viene considerato bello ha a che fare con la storia, l'economia, la tecnologia, il commercio, la geografia e perfino la religione. Noi esseri umani abbiamo indossato il makeup e ninnoli di perle molto prima dell'avvento degli strumenti in metallo. Un aspetto superficiale?  Solo perché riguarda lo strato più estremo e decorativo di noi, ma ciò che è bello la dice lunga su ogni cultura. 

TFL: Da cosa trai ispirazione quando scrivi sul tuo blog? Sei felice quando scrivi? 

Meli: strano che tu mi faccia questa domanda: mi trovo proprio nel mezzo di un vero e proprio blocco dello scrittore. Sono sempre stata felice quando scrivevo, ma non mi ritengo una "scrittrice felice". Non è un'attività molto sociale. 

TFL: Ami il tuo lavoro? Cosa ti rende felice quando lavori ad una seduta di makeup? Cosa ti motiva? 

Meli: Mi sento felice quando trovo in un volto il "livello successivo". Le persone pensano che il trucco serva per coprire, in realtà credo che il makeup sia il giusto mezzo per rivelare una parte di bellezza in un viso che altrimenti passerebbe inosservato...

TFL: Nel tuo blog convive un mix di video e di parti scritte ma queste ultime, assieme a fotografie, rivestono il ruolo più importante. Come mai? 

Meli: Uno dei motivi sono semplicemente io: scrivere e trovare immagini è più semplice di girare ed editare un filmato. Un altro motivo è la struttura del blog: penso che scrivere recensioni e post brevi non vada d'accordo con gli articoli più lunghi. Sono al lavoro con uno sviluppatore al momento per portare avanti un restyling, sarà interessante osservare come il cambiamento modificherà anche il tipo di post che pubblico...
TFL: Amo la categoria “Book Reviews” (recensione di libri) nel tuo blog, e grazie a quella sezione so che leggi. Leggi molto spesso libri? Che tipologia di libri ti appassionano? 

Meli: Sì, sono un'appassionata lettrice: vado dalla saggistica a pubblicazioni sul beauty, dall'arte alla psicologia, dal business a tutto ciò che attira la mia attenzione. New York vanta il migliore sistema di biblioteche al mondo,  perciò mi ritengo molto fortunata. Inoltre, acquisto libri tanto quanto alcune blogger acquistano scarpe, pensa che nei miei fanta-sogni possiedo una fantastica biblioteca tutta mia! Quindi sì, sono proprio una di quelle persone che soffrono di dipendenza da libro. A proposito del sito, vorrei tanto espandere la sezione "book reviews" per farla diventare un piccolo book store di bellezza e moda.  

TFL: E per finire: hai un consiglio di bellezza per i miei lettori?  

Meli: Un trucco grandioso riguardo al fondotinta/correttore per le donne che vogliono un risultato naturale è quello di non coprire tutte le imperfezioni. Utilizzando un fondotinta o un correttore semplicemente per coprire quelle imperfezioni più evidenti (per esempio il rossore attorno al naso, o un piccolo brufolo spuntato durante la notte) e lasciare il resto del volto al naturale, farà apparire l'incarnato come se non fosse coperto proprio da nulla, per una pelle grandiosa. 

TFL: Grazie infinite per il tuo contributo al mio blog e grazie per aver condiviso i tuoi pensieri con me e con i miei lettori!
Se volete saperne di più su Meli, date un'occhiata al suo blog WildBeauty!!! 
E se vi va di lasciare commenti o farle delle domande, sentitevi liberi di scriverle qui sotto nello spavin commenti! 

Spero tanto che questo post vi sia piaciuto, e spero che anche il prossimo (dalla California) sarà così interessante! 


Tuesday, October 29, 2013


Dear readers,

while waiting for my next post to be ready to go online (I have a surprise for you!! An interesting interview!), I would love to show you with pride my new professional website. Go and surf :)

Let me know if you like it :)


Cari lettori,

mentre attendo che il mio prossimo post sia pronto per uscire online (ho una piccola sorpresa per voi... un'interessante intervista!), mi piacerebbe presentarvi, con orgoglio, il mio nuovo sito internet professionale. Fateci un giro :)

Fatemi sapere cosa ne pensate :)


Thursday, October 17, 2013

Listening to canvas and fabric

A volte quasi per caso, per pura coincidenza o per semplice equivoco, ci si ritrova in luoghi che paiono paralleli, completamente slegati dalla realtà.
Un bacio di chebellorivedersiancoradopotanto con una persona cara, che guarda caso è la curatrice di questa mostra che si intravede, quasi a sbucare dalla luce di un luogo una volta sacro.
“Entra, Marti, dai un’occhiata”.
Tele. O no?
Non proprio.  Persone che brindano, com’è ottima abitudine qui in Italia, con un buon calice di vino prodotto dalle nostre terre. Voci indistinte, tutto nuovo. Proiettarsi di parole che si diramano seguendo traiettorie impensate. “Valter è uno stilista, il suo genio crea abiti e accessori incredibili. Questa mostra però porta a galla un altro aspetto della sua creatività: l’arte che dal riciclo di tessuti dà vita a opere su tela.”
Ah! Guarda un po’!
Franca Benvenuti che, assieme a Orsola Chiaradia, è la curatrice della mostra “L’altra tela” (tenutasi a Pordenone, Friuli Venezia Giulia, presso l'ex Convento di San Francesco), mi introduce a una delle prime creazioni, che portano nomi così strani. Pensa…. Questa è fatta di denim! 

Ma la caratteristica che mi colpisce maggiormente è la tattilità visiva dei quadri di Valter. Ti viene proprio voglia di toccarli i tessuti che usa, proprio come si farebbe nel valutare un abito.
Faccio un giro in solitaria… E lascio che il pensiero sia libero di fuggire dal giorno che volge al termine. E quanto facilmente scorre via… e si ferma su ognuna di queste opere che liberano il mio cuore. Questo non è semplicemente arte. Questa è pura, folle passione. Vera libertà d’animo.
Non conosco ancora Valter Trevisiol. Me lo presentano. Un tipo alto, calice alla mano. Capelli foltissimi e barba bianchi. Spirito fanciullo, non c’è che dire. Confusione allo stato brado tra le sue parole ma lucidità che fa paura, che disarma. Pare che ti legga l’animo.
Man mano che visiono quello che nasce dalla sua testa, m’innamoro.
Posso scattare qualche foto? Ma certo! Ci mancherebbe!
Attraverso la lente della reflex riesco a vedere cose che non si vedono a occhio nudo: i particolari. Non si possono osservare queste tele nell’insieme, si perdono troppo i dettagli dell’anima di Valter. Un connubio, no… Un miscuglio, no… Una commistione! Una commistione di emozioni! Stoffe, pezzetti di tela… ma eccoli lì, gli elementi naturali: spighe di grano, tronchi di legno, frammenti di qualcosa che sembra peluria di una palma.

 E ancora, virgole di metallo, lamiere non zincate e mezzo arrugginite, colore, pittura, garze, e ancora colore. Dov’è il colore? In ogni fibra, in ogni poro di tessuto, in ogni chicco di spiga, in ogni spira di metallo. Il mio preferito? Cherokee, legno e iuta, 130x130… un quadrato di pura pazzia naturale: e questa spiga al centro, incastonata tra fuscelli di legno. Una spiga in bianco. Un’armatura orizzontale di legno. Un lenzuolo nuziale in nero. Una meraviglia così reale che mi incute timore. O spleen?

Ed ecco che, ancora una volta dal nulla, vengo invitata a fare visita all’atelier, il laboratorio di Valter. Un caldo pomeriggio di Ottobre. Ancora i luoghi più impensati, nascosti alla vista delle persone che quotidianamente passano per la strada, diventano fornace d’arte, fucina d’idee e di creatività. Mi siedo, la moglie di Valter, folle artista nell’animo anche lei, fa materializzare un caffè. Chiacchieriamo.  Parliamo della mostra, parliamo dell’Italia che, ahimè, rotola giù…
“Sai, Martina, in effetti, nel nostro paese (siamo, tra l’altro, compaesani) quello che oramai conta è l’individualismo. E cosa siamo noi nell’individualismo?”.
- Ma cosa c’è, in te, per creare tele così belle e ora che sono qui, capi così magicamente estrosi da essere disarmanti?
“La migliore ispirazione nella mia arte è la serenità e la capacità di essere solo me stesso. C’è gioia in me, c’è gioia in ogni cosa che faccio. E poi io ci tengo molto alla mia ignoranza, perché ormai qui sono tutti intelligenti. E l’ignoranza sa darti molto. La mia fortuna è che conosco alla perfezione il mio unico pregio: io so quello che mi piace. E faccio quello che mi piace. Nel mondo oggigiorno sono tutti molto bravi a distruggere, ma la cosa che è davvero difficile è creare”.

Valter non dorme molto, una media di 4 ore al giorno. Sogna ma non ricorda di sognare. Ricorda solo che il sogno è quasi reale. Crea da solo. “Solo quando sono in solitaria, sai la sera, qui nel laboratorio, o la domenica, quando piove. Quando sono da solo riesco a raggiungere il massimo della ricettività artistica e della mia creatività. Uso le mani e aguzzo l’ingegno”.
Un animo davvero fanciullesco, lo ripeto. Un uomo che non teme di sorridere, non teme di abbracciarti, anche se ti conosce appena. Non ha paura di essere, come dice lui, l’ignorante se stesso. E pare che funzioni, anche se lui, ignorante proprio non è. Le sue tele sono ora sparse in ogni angolo, alcune non sono state esposte alla mostra, peccato. Le opere si mescolano agli scampoli di tessuto, alle mannequin vestite di quell’arte che è così differente. La mia spiga di Cherokee si mescola con gli abiti appesi alle grucce. Tutto è così sereno. Così gioioso, proprio come il sorriso di Valter. E chissà che nella prossima mostra ci sia esposto questo mescolarsi di moda e arte, perché la vera moda è arte. Grazie, Valter, per essere così felice.


Sometimes it happens by chance, and you find yourself in places that seem parallel to or disconnected from reality.
A oh-that-is-so-nice-to-see-you-again kiss with a friend that, again, by chance, is the curator of this exhibition that you glimpse from the door. 
 “Come on in and look around”.
Paintings. Or not?
Not really. People that sip wine, a good habit here in the north of Italy. Unclear voices, everything is new to me. Words projected to unplanned trajectories. “Valter is a fashion designer, his genius creates incredible apparel and accessories. Nevertheless, this exhibition lets another aspect of his creativity surface: the art of recycling fabrics gives life to his masterpieces”.
Oh, really?
Franca Benvenuti who, with Orsola Chiaradia, is the curator of the exhibition “L’altra tela” (held in Pordenone, Friuli Venezia Giulia, Italy) (The other canvas, playing with the word “tela”, in Italian, meaning both canvas and fabric) introduces me to one of the first creations that bear such strange names! You see? This is made of denim!

The feature that catches my attention is the visual tactility of Valter’s paintings. You really want to touch the fabrics he uses, like when you are choosing a piece of apparel. 
I start moving around, alone. I let my thought to be free to escape from the day that is ending. And how easy it flows… it stops at every canvas that free my heart. This is not just art. This is pure and crazy passion. Real freedom of the soul.
I do not know Valter Trevisiol yet. They introduce me to him. A tall man, a glass of wine in his hand. Thick white hair and beard. Child spirit, oh yes! I see wild chaos among his words, but a clear mind that frightens, disarms. It seems as if he can read your soul.
As I analyze what originates from his head, I fell in love. Can I take a couple of pictures? Sure!!
Through the reflex lens I see things that I could not see with my naked eye: details. You cannot observe these canvas all together, you would lose the details of Valter’s soul. A union, no… A mix, no… A blend! A blend of emotions! Cloths, pieces of fabric… and there they are, the elements from Nature: ears of wheat, wood trunks, fragments of something that resemble palm fibers. 

And metal chips, rusting metal sheets, color, painting, bandage and color again. Where is the color? It is in each and every fiber, in every fabric pore, in every wheat grain, in every metal coil.
My favorite? Cherokee, wood and jute, 130cmx130cm… a square full of pure nature craziness:  this ear of wheat in the middle, set among wood laths. A ear of wheat in white. A wooden horizontal armor. A nuptial linen in black. Such a real masterpiece it even scares me. Or is it spleen?

Once again, out of the blue, I receive an invitation to visit his atelier, his lab. A warm October afternoon. And once again, those places that are hidden from the distracted eye of the by-passer, become furnace of art and forge shop of ideas and creativity.
I sit down and Valter’s wife let a coffee materialize. We chat. We talk about the exhibition, “a real revelation”. We talk of Italy that is really a mess.
“You know, nowadays in our Country what is important is individualism. And what are we among individualists?”
-       What is there in you, to create such astonishing canvas and pieces of fashion?
-       “The best inspiration for my art is serenity and the capability of being just me. There is joy in me, joy in everything I do. Moreover, I am so proud of my ignorance, since in the world there are only intelligent people now! Ignorance teaches you a lot. I am lucky, because I perfectly know my only quality: I know what I like. I do what I like. Nowadays in the world they are really good at destroying, but the difficult thing is creating”.

Valter never sleeps, just 4 hours per day. He dreams but he does not remember what he dreams of. He just remembers that dreams are so real. He creates only when he is alone. “Only when I am alone, you know, at night or on Sundays, when it rains, when I am here alone I am able to reach the maximum of my artistic receptiveness and creativity. I use my hands and sharpen my wits”.
A child’s soul, for real. A man that is not afraid of smiling, of hugging you, even if he barely knows you. He does not fear to be, as he calls himself, the ignorant himself. And it seems that it works, even though he is not ignorant at all. His canvas are now everywhere in his lab, some have not been exposed in the exhibition, what a pity! Others mix up with fabric remnants, with mannequins dressed up in art.
My Cherokee ear of wheat blends with cloths. Everything is so serene, so joyful. Like Valter’s smile. Maybe in his next exhibition this blend of fashion and art will be there, since real fashion is art.
Thank you, Valter, for your joy.


Follow me